intervista a sire che ci racconta “come torino dall’ alto”

“Come Torino Dall’Alto”, il nuovo singolo dell’artista torinese Sire, descrive la fine di un amore intenso e controverso tanto quanto le emozioni che il capoluogo piemontese è capace di trasmettere ai suoi abitanti. 

Guarda il videoclip ufficiale.

E’ un brano dal significato agrodolce, come la bellezza di Torino: così come la città, anche la fine di una relazione importante porta ad emozioni contrastanti, con un fascino intenso nascosto anche nelle giornate più fredde e cupe.

Leggiamo le sue parole nella nostra nuova intervista.

Il nuovo singolo “Come Torino dall’alto” parla della fine di una relazione e della paura di non rialzarsi dopo una delusione; com’è nata l’associazione tra questi sentimenti e il capoluogo piemontese?

Su Cuneo l’avevano già fatta Bisio e la Cortellesi. Scherzo dai. La canzone parla di questa ragazza bellissima che a volte mi da l’impressione di mollare tutto solo perché ha paura di star male. Ho conosciuto tante persone anche dopo di lei che preferiscono non “lanciarsi “ in una relazione per la stessa paura. Mi ricordo di una sera, andammo a vedere Torino da una collina, io e lei, panorama da urlo; io guardavo lei e lei guardava Torino… come biasimarla? Come biasimarmi? Lei era così bella ma i nostri obiettivi visibilmente differenti.

Tu sei pugliese, ma nel 2009 ti sei trasferito a Torino, che rapporto hai con questa città? Cosa pensi della scena musicale torinese?

anche prima del 2009 sono stato un paio di anni a Torino. Mi è sempre piaciuta questa città è fredda e romantica allo stesso tempo. Torino è la città natale di alcuni big che ascolta da quando ero bambino ma la musica emergente qui non esiste.

Il singolo anticipa l’uscita dell’album, “Savio”, puoi dirci come mai questo titolo e cosa dobbiamo aspettarci?

Savio è il mio nome, con quest’ album voglio raccontare me stesso senza tante cazzate da rapper, voglio tornare alla semplicità e mettermi a nudo. Voglio togliermi un paio di maschere e raccontare anche un paio di verità scomode, abbandonare per un attimo Sire e dare sfogo a quello che ho realmente dentro.

Oltre ad artisti più propriamente rap come Salmo, Fedez e J Ax, hai dei riferimenti musicali in altri generi?

Sono cresciuto con gli Articolo 31 ma j ax e Fedez mi fanno sempre storcere il naso. Salmo e Marracash sono i miei preferiti. Trovo che salmo sia un mostro sul palco e Marracash nella scrittura è imbattibile. Oltre oceano mi piace il blues mischiato all’elettronica di jacob banks e l’energia e le sonorità di billie ellish. Cerco sempre di non ascoltare troppa musica quando scrivo un disco, non voglio influenze, voglio solo tirare fuori quello che ho dentro però si, i miei preferiti sono loro.

Accanto alla musica coltivi anche la passione per il videomaking; da dove nasce e come si intrecciano le due cose?

sia la passione per il videomaking che quella della produzione sono nate per esigenza. Da piccolo non avevo molti soldi per pagare i videomaker e i produttori. Col tempo sono diventate il mio lavoro. Mi piace tanto il cinema, vado al cinema almeno 3 volte a settimana, un giorno mi piacerebbe fare il regista o perché no magari anche recitare.

Porterai in tour il tuo nuovo disco? Cosa ami di più della dimensione live?

Il contatto col pubblico è sicuramente al primo posto , l’ansia di salire sul palco, la voglia di guardare la gente negli occhi , l’impegno che metti per trasmettere qualcosa. Quest’anno sicuramente sarò in giro in tutt’Italia e sicuramente suonerò oltre che al palafiori a Sanremo, a Genova, Roma, Torino, Borgaro, Cinisiello e spero di tornare anche in Puglia. Ma in queste città ho già organizzato e ci suonerò. Le date sono ancora da stabilire, chi mi segue può restare aggiornato su Instagram e Facebook seguendo Sire OfficiArt.

BIOGRAFIA ARTISTA – SIRE

Savino Riontino (in arte Sire) è un rapper italiano classe 1993.
Comincia a far musica all’età di 11 anni suonando chitarra, tastiere ed avvicinandosi al mondo della produzione musicale.

Originario di Trani (BT), dopo essersi trasferito a Torino produce il “Fate Largo Mixtape” [2013] ed il “Mostro EP” [2015].

Nel 2018 arriva il sodalizio con Sparo Parole Records e pubblica il suo primo disco dal nome “Finto”, autoprodotto e registrato presso RKH Studio di Torino, con cui riscuote ottimi riscontri sia dal vivo (arrivando su palchi importanti come il Piper di Roma), sia online (supera i 50mila streaming Spotify).

Nel 2019 pubblica i due singoli “F@ck” ed “Alaska”.
A gennaio 2020 il singolo “Come Torino Dall’Alto” anticipa il nuovo disco “Savio”.

Facebook: https://www.facebook.com/sireofficiart/
Instagram: https://www.instagram.com/sire_officiart/
Spotify:  https://open.spotify.com/artist/22o63ykPf2fy2NMunU8GMn
Youtube: https://www.youtube.com/channel/UCByM1JHL6u50IHONDful15A

Pubblicità

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...