Intervista ad Itaca Reveski per l’ultimo singolo Delle Sirene Il cAnto.

  • Bentornato su Ascoltalamusica. Raccontaci del tuo progetto musicale.

Itaca Reveski è un progetto artistico a 360 gradi, cerco di comunicare ciò che sento intrecciando tutto ciò di cui ho a disposizione, dal testo della canzone, alle parole che uso per il titolo, da un suono scelto, al video. La particolarità è che mentre faccio uscire i vari singoli sto scrivendo anche un diario che li accompagna perché c’è un filo rosso che collega tutti i pezzi, è un viaggio e una ricerca, un’esplorazione continua anche per me. Il diario di Itaca Reveski è scritto da questa misteriosa ragazza di nome Itaca, ma viene ritrovato da un ragazzo che leggendolo se ne innamora e decide di andarla a cercare. Una storia d’amore particolare, metafora della ricerca di se, di ricerca di dialogo tra due parti lontane, tra bianco e nero. Il diario lo si può ricevere cliccando sul link in bio del mio instagram @itacareveski.

  • Parlaci del tuo nuovo singolo “Delle Sirene il c/-\nto”:

Inizialmente era un pezzo strumentale partito dall’immaginare cosa potesse aver sentito Ulisse dalle sirene. Omero non ci ha lasciato molto di scritto riguardo il contenuto del canto delle sirene e molti filosofi e scrittori nel tempo hanno dato la loro visione riguardo ad esso.Il pezzo è una metafora che rappresenta il momento nella vita in cui ci lasciamo sedurre dalle “sirene”. Sirene intese come vocine nella testa che ci spingono a fare qualcosa lontano da noi, come persone o qualsiasi cosa che ci porti lontano da noi stessi. La sento molto profonda e mi piace immaginarlo così come lo sentite nella canzone che ho scritto, un canto che seduce a dubitare della vita e della morte stessa, che incuriosisce al punto da farti chiedere “cavolo, ma se fosse vero che morire fosse solo risvegliarsi e vivere per sempre, non varrebbe scoprirlo adesso?”. Una ninna nanna per un sonno eterno. Il significato può sembrare lugubre, ma per me descrive le emozioni che ho provato quando nella vita mi son trovato davanti “le sirene”.

  • Come stai affrontando l’attuale periodo storico musicalmente parlando? 

Devo dire, molto bene. Sto scrivendo molta musica, progetto il futuro e mi vivo il presente per quello che è. Ovviamente è un momento complicato per la musica e per gli artisti, ma non mi perdo d’animo, scrivo e vado avanti con determinazione.

  • Quali sono gli artisti del panorama nazionale (o internazionale) ai quali ti ispiri per comporre la tua musica?

Tendenzialmente ho sempre ascoltato musica in inglese, son cresciuto a Red Hot e Metallica da piccolo, Nirvana e Iron Maiden a 12/13 anni e tutte le band affini. Ad un certo punto poi ho cominciato ad interessarmi sia ad altri generi che alla musica italiana. Ho scoperto con piacere artisti come Ben Howard, Apparat, Bon Iver, Biffy Clyro, The Postal Service, Arcane Roots e di italiani mi piacciono molto Wrongonyou, Ginevra, Mille, Andrea Laszlo De Simone e I Cani (per dirne solo alcuni)

  • Adesso che la situazione sembra un po’ essere migliorata e si spera migliorerà ancora, pensi che potremo vederti live? 

La situazione è quella che è. Un giorno sembra che migliori, il giorno dopo sembra che peggiori. Penso che per i miei live ci vorrà ancora un po’, ho bisogno ancora di tempo per produrre e far uscire altri brani che ho in mente e poi potrò fare un break per mettere su una bella situazione live. Credo e spero entro il prossimo anno!

  • Abbiamo visto che sei molto vicino al mondo delle musiche di sottofondo e delle colonne sonore, hai anche collaborato con diverse realtà internazionali, tutto questo ha avuto un’influenza sul tuo nuovo singolo “Delle Sirene il c/-\nto”? 

L’esperienza delle colonne sonore e musiche di sottofondo è stata ed è ancora una grande scuola. Ero già bravino a portare avanti la produzione in tutte le sue fasi dalla registrazione al mix e mastering, ma nel 2019 ho fatto un salto di qualità grazie a queste esperienze, ho dovuto fare tantissime canzoni in poco tempo, mixarle e masterizzarle e ogni volta imparavo cose nuove e imparo ancora oggi sempre di più a fare meglio quello che faccio. Quindi si, anche quella esperienza ha contribuito a sviluppare il sound di Itaca Reveski.

  • Quali sono – musicalmente parlando – i tuoi progetti futuri? 

Sto preparando il nuovo singolo, credo che per novembre sarà pronto ad uscire! Dopodiché credo proprio che uscirà il mio primo EP che chiuderà questo primo cerchio!

Guarda il videoclip ufficiale

Pubblicità

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...