Mikimas torna con un brano sul chiarimento nel rapporto d’amicizia: Niente a dire?

Disponibile dal 18 febbraio su tutte le piattaforme streaming e download online “Niente da dire?”, il nuovo singolo di Mikimas.

Il brano, che arriva dopo il singolo “Il mio sabato sera” pubblicato negli ultimi mesi del 2021, è caratterizzato da un sound che strizza l’occhio al pop punk d’oltreoceano e racconta la storia di due amici il cui rapporto si interrompe bruscamente quando uno di loro smette improvvisamente di frequentare e contattare l’altro.

Mikimas si immedesima così nella parte lesa della storia, in chi cerca un confronto ed una spiegazione alla fine di un rapporto apparentemente sincero.

““Niente da dire?” è proprio la domanda di riferimento della canzone, sapendo che spesso ciò che si ottiene in queste situazioni è solo silenzio ed indifferenza. Nonostante ciò si lasciano aperte le possibilità di un ricongiungimento, dell’ascolto e del chiarimento per far tornare tutto come prima” racconta Mikimas. 

“Niente da dire?”, scritta da Mikimas ed Andrea Cattarina, prodotta e registrata da Andrea Cattarina presso il Daydream Studio di Cremona, è disponibile in streaming e download su tutte le piattaforme digitali.

SEGUI MIKIMAS

Instagram: https://www.instagram.com/mikimas_musica/ 

YouTube: https://www.youtube.com/channel/UCoVAl399EfGBkhgBzjcbufQ 

Facebook: https://www.facebook.com/michele.mascellani.73 Spotify: https://open.spotify.com/artist/4Jb8Mgp0LEbXsqYSDT2YFd?si=XOz1PlcvT3mzP5NEtVOCcg&dl_branch=1

Pubblicità

Intervista ad Anarchybrain per il suo ultimo singolo Nessun Passo Indietro

Ciao Anarchybrain, benvenuto su Ascoltalamusica! Puoi presentarti in breve ai nostri lettori che ancora non ti conoscono?

Ciao a Tutti sono Fabio Varrone in arte Anarchybrain Rocknation. Ho cominciato nel 1992 a soli dodici anni. Nel tempo ho fatto diverse cose tra cui ho suonato con il maestro Roberto Pregadio della Corrida, ho lavorato come rodie per Gang; Statuto ed Enrico Capuano; ho suonato con i Destir, band che andò al festival del 1 Maggio con il brano «L’Alba di Piero», ho cominciato a lavorare in radio come speaker sin dal 1997 ad oggi. Ho suonato con artisti importanti come Tony Liotta; Iskra Menarini; Tony Esposito ed ho partecipato ad un concerto dove c’era anche Jean Michelle Byron dei Toto. Mi fermo qui perchè raccontare trent’anni di carriera sarebbe molto lunga.

Il tuo ultimo singolo è “Nessun Passo Indietro”: di cosa parla e qual è il messaggio che vuoi trasmettere?

Io stesso ho subito stalking due volte da parte di due donne, so cosa significa e da tempo avrei voluto scrivere un brano che parlasse di questo. L’idea però si è concretizzata quando Amadeus in una intervista prima di San Remo 2020 disse: “A volte una grande donna è quella che sa stare un passo indietro ad un grande uomo” mi pare fosse così la frase. Questo però mi fece pensare: “perchè una donna deve indietreggiare? Se lo fa mostra la paura al suo aggressore, quindi NO! Nessuno dovrà mai indietreggiare di fronte al proprio aggressore ma alzare la testa!”. Purtroppo oggi giorno si sente troppo spesso parlare in tv di donne uccise per mano di uomini violenti, questo non è più accettabile. Dobbiamo arrivare a comprendere che quando un amore finisce o quando in una coppia non si va d’accordo la separazione è una cosa del tutto naturale, si è vero che si può stare male per la perdita di un compagno, ma il mondo è talmente pieno di persone che credo che sia impossibile non incontrare altri partner in un futuro, forse con il quale si potrebbe anche stare meglio. Per quanto riguarda invece uomini con impulsi di violenza, li credo che un supporto psicologico maggiore al riguardo e una tutela maggiore da parte delle forze dell’ordine non sarebbe male. 

A chi consigli di ascoltare questo brano e perché?

Consiglio questo brano a tutti coloro che pensano di fare del male alle proprie partner per far si che riflettano su quanto sbagliata sia la loro scelta e che nella vita un amore può finire ma non è l’unico, nella vita si possono incontrare tante persone, che senso avrebbe continuare a vivere una guerra continua tutti i giorni rendendo la vita un inferno alle loro partner ed a se stessi?

Quali sono i tuoi prossimi progetti?

Ho 5 album già pronti e finiti, vorrei pubblicare «Livorno – Omaggio a Piero Ciampi» cantautore che io adoro ed il secondo capitolo dell’album prog: «Bomarzo» che verrà completato fra qualche anno con un terzo lavoro che la mia mente sta ancora cercando di costruire.

Vorrei evitarti per cent’anni, il nuovo singolo di Niente

NIENTE è Mirko Paggetti, classe 1984 nato e cresciuto in Romagna. Prima di creare il suo primo disco solista suona con altri progetti dell’underground provinciale.
Sceglie come nome d’arte Niente una parola che rappresenta l’ignoto, quello che non conosciamo, quello che siamo.
Il primo disco è “E pensare che tutto scorre” uscito nel 2014.
Il secondo “METE” nel 2016 per LFD.
Nel 2018 esce l’album “Distanti” con cui vince il concorso SUNER di Arci Bologna facendo date in giro per lo stivale.

Niente parla di obbiettivi che ci prefiggiamo, di sogni e di fallimenti. Niente svela la sua anima introspettiva, un viaggio dentro sonorità ombreggiate e graffianti pronte a unirsi con melodie più docili e accattivanti. Testi semplici, affilati e precisi. Dipinge con suoni malinconici, aspri e diretti la realtà umana e sensibile della vita.

Il nuovo singolo pubblicato il 25 Febbraio 2022 si chiama “Vorrei evitarti per cent’anni” ispirato al film Se mi lasci ti cancello. Ovviamente riconducibile alla vecchia canzone sanremese di Ron ma come se ascoltata al contrario.

ASCOLTA:
https://songwhip.com/niente/vorrei-evitarti-per-centanni



CONTATTI
Instagram: iosono_niente
Facebook: Mirko Paggetti e pagina Niente

Lunatia feat. Elisa Mammoliti – C’è il Sole

Elisa Mammoliti è una cantante e attrice valdostana. Dopo essersi laureata in Economia per arte e cultura all’Università Bocconi di Milano, ha deciso di seguire il suo sogno di diventare una performer di musical e si è trasferita a Londra per studiare a tempo pieno in accademia. Si è diplomata nel 2017 alla London School of Musical Theatre.

A dicembre 2017 ha debuttato professionalmente nello spettacolo Cinderella il Musical al Teatro Nuovo di Milano. Ha lavorato in diversi altri spettacoli teatrali tra cui il musical Pinocchio (2018), The After Hours West End cabaret (2019) e il musical Senza Fili al teatro Alighieri di Ravenna (2019).

Fino ai primi mesi del 2020 ha avuto l’opportunità di interpretare il ruolo principale della Pastorella nel musical italiano Patto di Luce. A settembre 2021 ha debuttato al West End di Londra con lo spettacolo Mythosphere al teatro Stone Nest di Shaftesbury Avenue.

Ha recitato nel film About Us (2017) nella serie web Masterskill prodotta dalla Viso Produzioni di Cologno Monzese (2020), e nel mediometraggio Aosta – Augusta Praetoria Salassorum (2020).

Ha preso parte a diversi concerti dal vivo e in streaming tra cui Ti regalo una musica alla Cittadella di Aosta e Bonne Soirée per RAI Vd’A.


ASCOLTA “C’E’ IL SOLE” (CON LUNATIA)
https://songwhip.com/lunatia/ce-il-sole


CONTATTI
https://www.youtube.com/c/ElisaMammoliti

“Bruciare sempre, bruciare tutto. Il fuoco splende e il fuoco pulisce”: Fire Walk With Me è il nuovo singolo di Sara Sciarra ispirato a Fahrenheit 451, disponibile online dal 04 febbraio

Online su tutte le piattaforme digitali dal 04 febbraio “Fire Walk With Me”, il nuovo singolo della cantautrice magentina Sara Sciarra. 

Dopo il precedente singolo “Raskol’nikov”, ispirato al romanzo “Delitto e castigo” di Dostoevskij, l’artista continua a trarre ispirazione delle opere letterarie: in questo brano Sara si rifà a Fahrenheit 451 di Ray Bradbury, un romanzo distopico in cui leggere o possedere libri è un reato e questi vengono bruciati da appositi “vigili del fuoco”. 

La canzone è sostanzialmente il momento  in cui si capisce di essere seguiti da ombre e negatività e si cerca di uscirne senza riuscirci: bisogna dunque stare attenti e capire come far sì che il fuoco giochi a nostro favore.

“Così come nel romanzo, nella mia canzone parlo del fuoco sia come simbolo di purezza e luce, sia come pericolo e oscurità. Anche nel libro il pompiere protagonista, Guy Montag, inizia a chiedersi se il suo compito apparentemente purgatore non sia invece portatore di oscurità, eliminando pian piano ogni luce della conoscenza. Il titolo del brano fa riferimento a una delle mie serie tv preferite, Twin Peaks, che ben incarna questa ambivalenza del fuoco che è proprio il diavolo celato nel fumo: Fire Walk with Me, il diavolo cammina con me” racconta Sara riguardo il significato della canzone.

Scritta e composta da Sara Sciarra e registrata presso il Reclab Studios di Larsen Premoli, “Fire Walk With Me” è disponibile in streaming e download su tutte le piattaforme digitali a partire dal 04 febbraio.

Disponibile dal 04 febbraio “Penso”, singolo d’esordio di Sentiero

“Penso” è il brano che segna il debutto discografico di Sentiero, giovane cantante di Tivoli (RM), sotto l’etichetta indipendente EnZoneRecords.

“Penso” è un brano scritto con parole semplici e schiette dalle tematiche profonde: la solitudine giovanile anche in mezzo a tanti, il coraggio di mettersi in gioco, la forza dei giovani di ricominciare da soli con la consapevolezza che il meglio debba ancora arrivare. 

La produzione a cura di Peppe Barbera per EnZoneRecords si caratterizza in un sound hip hop, con suoni eterei e un chiaro richiamo al pop americano in stile “The Weeknd” e “Zyan”. Un sound universale per sentimenti universali: “Penso sia un brano che nasce dal buio. Può un diciottenne vedere solo nero? La risposta è sì. La musica e l’amore rappresentano la luce in fondo al tunnel” afferma Sentiero riguardo il brano.

Ad ispirare l’artista è stato un periodo di black out vissuto inizialmente in solitudine e superato con l’aiuto di una ragazza e della musica: il buio lascia così spazio ad una tenue luce che illumina il cammino. 

Il tutto viene accentuato dal videoclip ufficiale a cura di David Sassi, dove il girato va a rappresentare la solitudine, la piccolezza dell’essere umano rispetto alla grandiosità del creato con l’acqua come simbolo di purificazione di se stessi. 

“Penso” è stata prodotta, registrata, mixata da Giuseppe Barbera presso lo studio “Eyeandear” dell’etichetta “EnZoneRecords” di Fiumedinisi (ME), master a cura di Alex Balzama presso “Swiftaudiomastering” di Londra ed è disponibile in streaming e download online dal 04 febbraio, con videoclip ufficiale su YouTube.

Sentiero – Penso

Link YouTube: https://youtu.be/pKrmodxoB8g 

Link Spotify: https://open.spotify.com/album/4Uko5Vyct949JVk6t4lO9l?si=z5M-DY3sQqeS_wC7jXEv-Q  

Testo e musica di Sentiero (Alessio De Francesco).

Produzione artistica, arrangiamento, registrazione e mix a cura di Giuseppe Barbera presso Studioeyeandear di Fiumedinisi (ME).

Tutti gli strumenti sono suonati da Giuseppe Barbera

Master a cura di Alex Balzama presso Swift Audio Mastering di Londra.

Codice ISRC: ITMI02200101

Etichetta: EnZoneRecords di Giuseppe Barbera.

Artwork: © David Sassi
Foto: © David Sassi

Videoclip: David Sassi

Ufficio stampa: Luca Sammartino per 0371 Music Press

Un alieno porta in dono ai terrestri un disco per San Valentino: si fa chiamare Red Sky ed arriva dalla Neo Tokyo del 3022

Nel giorno di San Valentino arriva sulla Terra l’alieno musicista Red Sky che, dopo un viaggio indietro nel tempo di mille anni dalla Neo Tokyo del futuro, porta in dono il nuovo disco “Eros/Thanatos”.

In un giorno difficile per molti abitanti del nostro pianeta, in cui molti cuori cercano di ripararsi dalle crepe dell’amore, Red Sky condivide la cura adottata nel suo mondo.

“Sul vostro pianeta, in Giappone, esiste un’antica arte chiamata Kintsugi che consiste nel riparare gli oggetti di ceramica usando polvere d’oro, in modo da evidenziare le crepe rendendole un punto di forza e perfezione. Sul mio pianeta consideriamo la musica come il Kintsugi: qualcosa in grado di riparare le crepe dei cuori, rendendoli più preziosi” dichiara Red Sky.

Arriva così alle anime terrestri più fragili e sensibili “Eros/Thanatos”, un disco future music composto da 5 brani ibridi con influenze che vanno dal rap al metal e caratterizzato da un sound futuristico con cui Red Sky trascende i generi musicali convenzionali unendo il meglio di ognuno di essi.

“Eros/Thanatos” è dunque disponibile dal 14 febbraio su tutte le piattaforme di streaming e download online del pianeta Terra.

Testi e musiche di Red Sky.

Registrato al Twilight Studio di Senago (MI).
Mix e Master a cura di Alex Trecarichi.

Artwork: © @jg.draws00
Foto: © Vincenzo Finizola

Ufficio stampa: Luca Sammartino per 0371 Music Press

Biografia – Red Sky

“Il cielo è rosso, perché anche il cielo sanguina per tenere accesa la sua stella, e il suo sacrificio è poesia e bellezza per tutti.”

Red Sky è un musicista Alieno che viene dal futuro con una missione ben precisa: trovare gli ultimi “alieni” – persone fragili, sensibili e rare, che la società tenta di sopprimere ogni giorno e che combattono per tenere accesa la propria stella – rimasti e portarli a Neo Tokyo, prima che la nostra società li trovi e li spenga.

Seguendo la stessa filosofia di Bruce Lee quando diceva “nessuna via come via, nessun limite come limite”, Red Sky trascende i generi musicali prendendo il meglio da ogni corrente, guidato dal suo inno “la musica è una”.

Nelle sue canzoni, che definisce “Future Music”, troviamo infatti chitarre post rock, rap conscious, dance anni 90, cantato Giapponese, growl, reggae, black metal e tanto altro, ispirandosi ad artisti poliedrici come Franco Battiato, Caparezza e Dargen d’Amico.

L’unica costante è l’autentica e libera espressione di sé stessi. Questo è il compito di tutti gli “alieni”: se permetteranno alla società di spegnerli e di togliere loro i sogni diventeranno come tutti gli altri e il mondo sarà un posto ancora più buio.

Per questo Red Sky ricorda loro ogni giorno: “Non far spegnere la stella”.

“Faccio musica per aiutare le persone più sensibili di questa società a tenere accesa la loro stella, cioè la loro sensibilità, che è sia una maledizione, in quanto condanna a soffrire di più, ma anche un dono, perché quella sofferenza può essere usata per creare arte. Credo che la musica serva a riparare le crepe dell’anima, e quindi cerco di aiutare queste persone a sopravvivere su questo pianeta.”


Discografia Album 

  • Tra l’ombra e l’anima [2011]
  • Origami [2013]
  • Solo musica a riempirmi gli occhi [2014]
  • Kamasutra [2015]
  • Kamasutra Reloaded [2016]
  • Cronache di Resistenza [2017]
  • Future Music [2018]
  • E della felicità chi se ne fotte [2019]
  • Sadtape Vol.1 [2020]
  • Avrò smarrito per sempre la via del ritorno [2020]
  • Storie di stelle e di Alieni [2021]
  • Sadtape vol.2 [2021]
  • Eros/Thanatos [2022]

Link Social & Contatti – Red Sky

♅ Instagram: https://bit.ly/redskyig 

♅ Spotify: https://spoti.fi/2wQuewz 

♅ Podcast: https://spoti.fi/3Gs12hg 

♅ Sito: https://www.redsky.it/ 

♅ TikTok: https://www.tiktok.com/@redskyfuturemusic 

♅ YouTube: https://www.youtube.com/c/RedSkyFutureMusic 

Marco Galimberti pubblica il videoclip di “Ero solo un bambino”

Dopo l’uscita in streaming e download, arriva online il videoclip ufficiale di “Ero solo un bambino”, nuovo singolo del cantautore di Ornago (MB) Marco Galimberti.

Il video l’artista come protagonista che accompagna l’esecuzione del brano a riferimenti, anche autobiografici, che enfatizzano il messaggio del brano: una canzone in cui si ritrova la voglia di credere nei propri sogni, come da bambini. In questo caso, nel voler continuare a fare musica la propria ragione di vita:

“Nostalgia, speranza e liberazione. Abbiamo cercato di ripercorrere quelle che sono le tappe della vita di cui si parla nella canzone. Da qui le riprese davanti alla scuola, le immagini di me da bambino e le parti in auto che riportano alla prima bozza della canzone, scritta proprio sulla mia auto nel parcheggio della ditta dove lavoro” racconta Marco riguardo il videoclip.

Girato ed editato da Lorenzo Acquistapace presso la cittadina di Vimercate (MB), il videoclip di “Ero solo un bambino” è disponibile sul canale YouTube ufficiale di Marco Galimberti. 

Il brano è inoltre disponibile su tutti gli store e le piattaforme di streaming digitali.

Marco Galimberti – Ero solo un bambino

Link YouTube: https://www.youtube.com/watch?v=y5vC4bN3NcA 

Link Spotify: https://open.spotify.com/track/6Ie9LkTyrxbVkPmIWvNi21?si=96dbe82c477d4e87 

Link Apple Music: https://music.apple.com/it/album/ero-solo-un-bambino-single/1598102008
Link Amazon: https://music.amazon.com/albums/B09MV6G21R?marketplaceId=APJ6JRA9NG5V4&musicTerritory=IT&ref=dm_sh_QUwMXLXFnV9Su9STenZeR37Oo&trackAsin=B09MV6QSWD 

Testo di Marco Galimberti, musica di Luca Sala.

Prodotta da Luca Sala presso il suo studio personale.
Voci registrate presso VoiceLab di Vimercate (MB).

Vocal coach Patrizia Lieti per VoiceLab.

Artwork: © Federica Cassata
Foto: © Martina Ambruosi

Videoclip: Lorenzo Acquistapace

Ufficio stampa: Luca Sammartino per 0371 Music Press

NATUEJA, il nuovo singolo di Bettati Angelo con Di Lello Paolo – OUT 28 Gennaio 2022

E’ uscito il 28 Gennaio 2022 NATUEJA, il nuovo singolo di Bettati Angelo con Di Lello Paolo, traccia che farà parte dell’ Album Bidèl previsto a Marzo di quest’anno.

La canzone parla di un bambino entrato in un istituto religioso. Ora divenuto uomo, ricorda di come si passavano le serate nel cortile del collegio dopo cena; c’ era la possibilità di ascoltare un novello sacerdote che, imbracciata la chitarra, con la schiena appoggiata al muro del refettorio, faceva ascoltare ai convittori le canzoni degli anni ’80. Natueja è la parola magica, evocativa di quel periodo …

Questo singolo segue l’uscita del brano “Come Prima, pubblicato a metà Dicembre 2021 con un ottimo riscontro di ascoltatori su Spotify e Youtube.

CREDITS

Canzone creata da Bettati Angelo, autore di testo e musica.

Arrangiamenti musicali: Di Lello Paolo.

Registrato a Milano nel luglio 2018, presso Pop Life Studio del fonico Paolo Di Lello: www.poplifestudio.com

Pubblicato col distributore digitale IMusician.

Natueja sono:

BETTATI ANGELO: voce, chitarra

COLOMBO VANJA: cori

DI LELLO PAOLO: batteria, contrabbasso, cori, mellotron, organo hammond, piano, sax, violino

ASCOLTA

https://spoti.fi/34t652J

Lyric VIDEO

BIOGRAFIA

Angelo Bettati ha studiato a Parma conservatorio da privatista col maestro di chitarra classica Renzo Cabassi accompagnando lo studio dello strumento con anni di solfeggio.

Dopo aver fatto il corso da compositore melodista, trasferitosi a Milano ha iniziato lo studio di pianoforte, canto, violino e flauto traverso.

Dopo anni passati a suonare cover con la band “I Deka”, dal 2016 ha iniziato il cammino cantautorale, scrivendo e musicando canzoni ispirate al più nobile dei sentimenti: L’ Amore !!

Frequentati corsi di scrittura creativa, Angelo Bettati ha partecipato anche a concorsi di poesia ricevendo la menzione speciale al Premio “Violetta di Soragna”.

LINKS

Website: http://www.bettatiangelo.com

FB: https://www.facebook.com/bettaticantautore

IG: https://www.instagram.com/bettatiangelo/

Youtube channelhttp://bit.ly/38SRttm

Podcast: https://www.spreaker.com/show/perche-la-musica-esige-rispetto

mail: bettatiangelo@gmail.com

canzone VENGO a TI: https://song.link/SJqxPF0NJpsjn

canzone PIAZZALE LAMPADA: https://song.link/rkjqqcqqbxgzw

canzone PARADISO: https://song.link/fncrn5gbt20fj

canzone LUMACHE: https://song.link/KJJmDVNTwCxht

canzone SIRENA: https://song.link/nmmgqbg0ss82q

canzone MADAMA: 👉 https://song.link/6jjzc03fpcsn2

canzone RONDINEL: 👉 https://song.link/j7xx5bqrjsnt7

canzone VOLEREMO NEL VENTO: 👉 https://song.link/cqzbxnqfw0zrx

canzone IO TI SEGUIRO’: 👉 https://song.link/4gzmxzz0g8rn7

canzone COME PRIMA: 👉 https://song.link/vfppmwsccpd6v