Intervista a Mico Argirò per il nuovo disco  “Irriverentə”

  • Ciao, benvenuto Mico Argirò su Ascoltalamusica! Puoi presentarti in breve ai nostri lettori che ancora non ti conoscono?

Ciao a tutti, io sono Mico, suono la chitarra e canto le canzoni che scrivo. Sono nato ad Agropoli, nel Cilento, sono originario della Calabria e vivo a Milano da tanti anni.

  • Sei online con il tuo nuovo album  “Irriverentə”. Come mai la scelta di inserire la shawa nel titolo? Molto coraggiosa…

Grazie mille, la ə mi ha affascinato da subito per tutto il suo contorno, prima ancora che per il suo significato nel linguaggio inclusivo (che comunque sostengo). È un non suono che fa incazzare tutti, che alza i toni, che crea discussione e l’ho trovata simbolo perfetto delle canzoni di “Irriverentə”. Poi mi ha dato la possibilità di riferire l’aggettivo irriverent- sia a me stesso che alle canzoni, di giocare sull’ambiguità.

  • Con questo album a che punto del tuo percorso musicale senti di essere arrivato?

Credo di essere in un punto strano e decisivo del mio cammino, molto più maturo degli inizi, più consapevole e in un perenne divenire. Non so quali saranno i prossimi passi, dove mi porteranno, ma sto cercando di godermi il cammino. Come fase, citando Arabasino, le cui fasi della vita artistica sono “giovane promessa”, “stronzo qualsiasi” e “venerato maestro”, credo di essere in quella centrale.

  • 8 tracce tra singoli che già conoscevamo ed inediti. Qual è il messaggio che li lega tutti?

Questi assurdi anni 20 sono il filo conduttore, il messaggio, il viaggio, la destinazione. Ho raccontato la mia contemporaneità, i social e i loro paradossi, i costringimenti in casa e le fughe, la morte, la noia; l’ho fatto alla mia maniera, mischiando elementi distanti e creando una musica insieme orecchiabile, energica, ma con tanto di me dentro.

  • Quali sono i tuoi prossimi progetti?

Sto portando in giro i pezzi, come credo sia normale, sono uno di quelli che ritiene fondamentale il live, il contatto col pubblico, e lo sto facendo in una maniera nuova per me e sicuramente particolare: un concerto elettronico tra sintetizzatori, chitarre, theremin. Canzoni, ma anche tanta energia e devo dire che sta funzionando molto bene.

Segui Mico Argirò su:

Pubblicità

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...