Intervista a ryan o’conner per il nuovo singolo nuova season

Nuova Season è il nuovo singolo del rapper milanese Ryan O’Conner: primo estratto dal nuovo disco Prequel in uscita, porta un nuova luce nel percorso musicale dell’artista.

Lo abbiamo intervistato per saperne di più.

  1. Siamo su Ascoltalamusica. Cosa deve aspettarsi un ascoltatore che si avvicina per la prima volta ai tuoi brani?

Un grande impatto creato dalla mescolanza dei suoni  e delle voci, coscienza cognitiva nei testi e un pò di sperimentazione

  1. Se dovessi scegliere un genere con cui identificarti quale sceglieresti e perché?

Il suono è prettamente Trap e Drill mentre i testi sono conscious e pieni di significato.

Penso sia Trap/soul, anche se non esiste la sto inventando io da zero.

  1. Il tuo nuovo singolo affronta un tema molto interessanti visto anche il momento storico che stiamo vivendo. Parlaci di come è venuto sù questo tuo nuovo lavoro.

“Nuova Season” come dice il titolo vuole essere una svolta, un cambiamento nel modo di esporsi e di fare arrivare il proprio sound, mi sono accorto di volere questo cambiamento da tempo ma solo quando iniziai a sentire le prime basi presi realmente coscienza di quello che “ero diventato” nel frattempo avveniva uno dei più grandi cambiamenti più profondi che la società abbia mai avuto negli ultimi 20 anni, e questo mi ha aiutato molto, quando le persone hanno paura svelano lati del proprio essere estremizzati al massimo e questo ci rivela veramente.

  1. Tornando sull’argomento dell’ascolto. Quali sono le composizioni musicali alle quali ti ispiri per comporre la tua musica?

Nonostante il genere musicale che porto avanti provengo da un’ascolto di musica molto più strutturata come il Rock Progressive dei Pink Floyd che sono il mio gruppo preferito in assoluto, ma mi hanno dato molta ispirazione anche rapper americani come J Cole o le liriche soul di Rod Stewart.

  1. Siamo in un momento storico nel quale l’ascolto “liquido” ha vinto sull’ascolto “fisico”, infatti gli stream contano molto più delle copie vendute. Cosa pensi riguardo questa rivoluzione tecnologica che ormai da diversi anni ha travolto tutti gli attori della filiera musicale?

Penso che come ogni cambiamento porti dei pro e dei contro dalla propria parte. Sicuramente per gli ascoltatori sarà più facile avvicinarsi a più generi e più artisti nel momento in cui lo vorrà realmente, anche per l’artista a sua volta è più facile arrivare a un pubblico più ampio e vario, di contro però ogni fan con le possibilità a sua disposizione sarà meno interessato a una ricerca approfondita dell’artista come si faceva una volta che per conoscere certi pezzi o certi LP di artisti dovevi fare una gran ricerca per mercatini e negozi di musica specializzati. 

  1. Un altro avvento che sicuramente ha radicalmente cambiato il modo di fare e di comunicare la musica è stata la nascita dei social media. Difatti per molte band emergenti non conta più quanto si suona live ma quante views o streams si fanno online. Cosa pensi riguardo questo ulteriore cambio di paradigma che ha relegato la musica dietro uno schermo?

Questo per me è assolutamente un contro, non ci sarà mai un paragone valido ad una performance live. Dopo il concerto di Travis Scott su una piattaforma nata per il gioco come Fortnite stanno tutti parlando di questo evento come il “futuro dei concerti”, io penso che sia solo un grandissimo evento che può essere valido in situazioni di Lockdown come abbiamo appena vissuto, ma non sarà mai un suo concorrente, siamo chiari chi preferirebbe interagire con un avatar piuttosto che vedere il proprio idolo dare l’anima a qualche metro da te?

Pubblicità

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...