Intervista a Mico Argiro’ per il nuovo singolo “le canzoni divertenti”

  • Benvenuti su Ascoltalamusica! Ciao Mico, benvenuto anche a te e oggi siamo curiosi di sentire cosa ci racconti sul tuo nuovo singolo “Le canzoni divertenti”! 

Ciao! Sono davvero felice di poter chiacchierare ancora con voi. “Le canzoni divertenti” è un pezzo molto particolare perché segue l’andamento di un mio ragionamento molto articolato e sentito sulla funzione della musica (e dell’arte) oggi. Oggi viviamo un presente che richiede all’arte tantissimo di non artistico: gli orari giusti per postare sui social, il politicamente corretto come faro, le mode, l’immagine…mi sono chiesto: di tutto questo cosa resta? Che funzione ha un’arte fatta solo di questo? A chi soffre veramente che cosa devo cantare?
Questo è il tema centrale del pezzo, dove il vero nemico sono io stesso quando spengo il cervello davanti a un cellulare, quando credo, appunto, a canzoni di plastica.

  • Il testo lo definisci più una critica all’attualità o l’intento era più sarcastico?

Il testo è insieme critico e ironico. Sono cresciuto pensando sempre che il contenuto di un’opera fosse fondamentale, che l’anima e le emozioni fossero centrali. Oggi vedo una tendenza opposta e non ci sto, perchè credo davvero che l’arte migliori la vita delle persone, che compia un miracolo, anche solo di un attimo.

  • Com’è avvenuta la scrittura del testo? Di getto oppure ci hai ragionato per un po’ di tempo?

La prima parte è nata abbastanza di getto, dopo l’ascolto di due o tre canzoni vuotissime e che cavalcavano mode del momento, ma chiaramente proprio. Poi mi sono incazzato per questo e l’ironia è stata scalzata, così nasce la seconda parte. La terza è, invece, venuta più tardi, riflettendo psicologicamente e introspettivamente: è una sorta di voce della coscienza che canta in inglese e in dialetto. 

Tutto questo si sente chiaramente nei cambi di arrangiamento e di tempo, che trovo coerenti col testo e col pensiero che c’è dietro.

  • Com’è nata la collaborazione con Andrea Tartaglia?

Andrea è un artista valido e versatile, che avevo ascoltato in varie collaborazioni e nelle sue canzoni. Ci siamo conosciuti al Controcorrente Fest ad Agropoli, nel quale suonavamo entrambi, e ne è nato un bel rapporto.

A lui ho affidato una parte speciale, un po’ Beatles, un po’ alternative, e lui l’ha interpretata magnificamente.

  • Programmi per il futuro?

Ho altre canzoni che fanno parte di un album, che tratta sempre temi caldi con un po’ di irriverenza. Non so quando uscirà, tutto dipende anche dalla possibilità di ripartire a suonare dal vivo; ho anche preparato un live elettronico che non vedo l’ora di portare in giro, un live di pura energia.

Guarda il videoclip di Le Canzoni Divertenti
Pubblicità

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...